Acabnews Bologna

Lunedì la voce di Atlantide arriva in Consiglio comunale

Appuntamento lunedì 14 gennaio’013 davanti a Palazzo D’Accursio, alle 13, per portare in Comune la protesta contro il rischio sfratto dal Cassero di porta Santo Stefano: “Metteremo in campo tutte le nostre forze per resistere”.

10 Gennaio 2013 - 18:58

Per chi vuol cominciare a farsi sentire dal Comune per difendere Atlantide dal rischio sfratto, il primo appuntamento è per il Consiglio comunale di lunedì 14 gennaio: è la decisione presa dalla partecipata assemblea che si è svolta ieri al Baraccano.

La mobilitazione, dunque, farà “visita” ai consiglieri e alla Giunta di Palazzo D’Accursio perche’ “il nostro referente politico e’ il governo della citta’ e questa decisione- spiegano da Atlantide- si collega agli esiti dell’assemblea di ieri, a cui hanno partecipato quasi tutti gli spazi sociali della città'”. Una discussione nella quale “e’ stata problematizzata la politica dei bandi e delle convenzione  come forma di codificazione dei rapporti tra le esperienze di autogestione e le Istituzioni”. In ballo, dunque, “non c’e’ solo la difesa di Atlantide ma anche la volonta’ di rilanciare un percorso tra gli spazi sociali per superare questo piano portato avanti dall’amministrazione”.

Intanto il Pdl, nelle scorse settimane, ha chiesto di intervenire quanto prima, se la situazione non si dovesse sbloccare “con le buone”, per “ripristinare la legalita’”. I collettivi di Atlantide, pero’, non ci pensano proprio a lasciare il Cassero. “Metteremo in campo tutte le nostre forze per resistere- replicano- secondo le nostre forme e pratiche politiche”.